Home Introduzione Chi siamo Letture consigliate Contatti
Home
Introduzione
Chi siamo
Letture consigliate
Contatti
Privacy
 Se avete feedback su come possiamo rendere il nostro sito più utile e interessante, per favore contattateci: ci fa piacere sapere da voi cosa e come migliorare. 
 

Benvenuti nel sito allestito per l'organizzazione dei corsi sulla Catechesi del Buon Pastore, che si sono svolti dall'ottobre 2017 al giugno 2018 a Reggio Emilia ed hanno visto la partecipazione di oltre 100 persone anche da diocesi vicine come Brescia e Verona. Come diretta conseguenza e grazie al supporto dell'Ufficio Catechistico Diocesano e del suo responsabile, don Stefano Borghi, a partire dall'ottobre 2018 molte parrocchie della nostra diocesi hanno avviato o stanno avviando l'esperienza della catechesi del Buon Pastore per bimbi dai 3 ai 6 anni, dopo aver dedicato il tempo estivo all'allestimento degli atri, cioè gli ambienti dove si svolge questa catechesi e dove sono predisposti i materiali. Ma partiamo dall'inizio...

Nella diocesi di Reggio Emilia Guastalla, già da diversi anni, alcune parrocchie conoscono e praticano l’esperienza della “Catechesi del Buon Pastore”. Questa è nota in particolare per l’accompagnamento dei bimbi dai 3 ai 6 anni e può accompagnare il cammino dell’iniziazione cristiana fino ai 12 anni. 

Gli inizi di questa esperienza

Nella diocesi di Reggio Emilia-Guastalla, il primo approccio a questa Catechesi si è avuta per iniziativa di Maria con il marito Mauro, diacono, allora (siamo negli anni ‘90) residenti nella piccola parrocchia di Nocetolo (Gattatico, RE), priva di parroco residente e perciò affidata alla loro cura pastorale, dove si occupavano in particolar modo della catechesi e della liturgia.

Maria, in particolare, allora madre di sei figli/e ed attualmente nonna di numerosi nipoti, oltre ad una lunga esperienza come catechista, aveva competenze pedagogiche (negli anni, insegnante di religione presso scuole dell'infanzia, sia comunali che FISM, esperienze di coordinamento pedagogico e di un progetto triennale sulla spiritualità infantile presso le SCI reggiane, attualmente dirigente scolastica di un polo per l'infanzia, dal nido alla scuola primaria, di Modena città); da tempo, era alla ricerca di modalità catechetiche e pedagogiche che corrispondessero più da vicino alla propria sensibilità di credente, educata all’amore per la Scrittura e la Liturgia.

Per questo, Maria e la sua famiglia si è subito innamorata della proposta degli Atri del Buon Pastore, conosciuta a Roma in casa di Sofia Cavalletti (intorno agli anni ’97-98); si sono quindi formati come catechisti i genitori insieme ai loro figli più grandi ed altri loro coetanei, e hanno attivato un Atrio nella loro piccola parrocchia per le fasce d'età 3-6, 6-9, 9-12 anni. Lo hanno fatto da genitori insieme ad altri genitori: per i propri figli soprattutto. L'esperienza è durata circa dieci anni, fino al trasferimento di Maria a Modena, dove ha inserito l'esperienza degli Atri nella scuola dell'infanzia.

Come si è sviluppata nel tempo questa esperienza

Gli Atri a Reggio Emilia sono nati tutti in questo modo: dai genitori, in genere cristiani "adulti", spesso con esperienze in campo catechistico o pedagogico od entrambe le cose, che hanno trovato in questa catechesi risonanze e sintonìe profonde per la trasmissione della fede ai propri figli/e nei contenuti e nel metodo.

Alla fine degli anni ’90, infatti, in occasione di un incontro diocesano, Maria illustra questa esperienza ormai avviata da alcuni anni a Nocetolo e subito raccoglie l’interesse entusiasta di altre persone, tipicamente genitori con figli di diverse età, che risuonano anch’esse all’annuncio di questa proposta di catechesi così ‘radicalmente’ diversa. Non appena si apre la possibilità (un corso di 1° livello per catechisti, organizzato a Vergiano di Rimini, da parte di persone del Centro della Catechesi del Buon Pastore di Roma su invito della diocesi di Rimini, all’inizio del 2001), subito un buon numero di persone della diocesi di Reggio Emilia decide di partecipare, a dispetto dei chilometri di distanza fra Reggio e Vergiano; è così possibile, nell’autunno di quell’anno, il 2001, avviare altri tre atri (3-6 anni) nelle parrocchie di San Prospero Strinati e dell’Immacolata Concezione, entrambe di Reggio Emilia, ed in quella di Novellara.

Nel 2004, altre persone si aggiungono; si prosegue allora con corsi di 1° livello per i nuovi arrivati e corsi di 2° livello per chi aveva frequentato i corsi a Vergiano. Stavolta la sede dei corsi è più a portata di mano; siamo a Modena, ospiti di altre persone di quella diocesi che avevano anch’esse frequentato i corsi a Vergiano. A seguire e corrispondentemente, nelle realtà dove erano già presenti gli atri 3-6 anni, sono aperti nuovi atri per la fascia di età successiva, quella dei 6-9 anni.

Nel 2006, finalmente (possiamo dire), si riesce ad organizzare corsi di 1°, 2° e 3° livello anche qui, nella nostra diocesi di Reggio Emilia, grazie al sostegno dell’Ufficio Catechistico Diocesano, consentendo ad alcuni di portare a completare il panorama di possibili fasce di età offerte da questa Catechesi e ad altri di proseguire con il percorso di 2° livello per i 6-9 anni. Ma è il numero di persone che si avvicinano alla Catechesi con il corso di 1° livello che è davvero considerevole: si mantengono costantemente presenti almeno 60 persone per l’intera durata del corso.

Altre e nuove realtà quindi si aggiungono a quelle prima ricordate: esperienze di questo tipo di Catechesi vengono via via attivate nelle parrocchie di Regina Pacis a Reggio Emilia, a Valestra, a Cogruzzo, Gavassa… e chissà in quante altre realtà, di cui non siamo ancora riusciti a venire a conoscenza.

Come si è arrivati alla proposta dei corsi

Ora, da quell’'ormai lontano 2006, altre persone hanno continuato a formarsi, seguendo corsi a Rimini, a Faenza, a Roma,… La possibilità di avere corsi direttamente qui a Reggio Emilia era però un’esigenza che si stava facendo sempre più forte. E’ stato così che quando don Stefano, l’attuale responsabile dell’Ufficio Catechistico Diocesano, ci ha prospettato il suo interesse ad offrire questa opportunità dei corsi come momento di formazione alla religiosità del bambino, utile dunque sia a chi intende avviare l’esperienza della Catechesi nella propria parrocchia/unità pastorale sia a chi intende semplicemente formarsi in questo ambito, beh… siamo subito stati molto, molto entusiasti della sua proposta.

I corsi si sono svolti grazie alla disponibilità del salone sopra l'asilo parrocchiale, offertoci dalla parrocchia di Coviolo nella persona del parroco dell'Unità Pastorale in cui essa è inserita, don Davide Poletti.
I corsi hanno visto l'iscrizione di quasi 120 persone al corso di 1.o livello e di circa 25 persone a quello di 2.o livello; gli otto incontri hanno avuto una cadenza all'incirca mensile ed hanno visto il sostegno dell'Ufficio Catechistico Diocesano ed anche della sezione provinciale dell'AIMC, Associazione Italiana Maestri Cattolici, che ne ha riconosciuto la validità come corso di formazione per i tanti docenti che hanno partecipato.

E così siamo ritornati all'inizio... al fiorire di tante nuove esperienze di catechesi del Buon Pastore in diocesi... ma di questo vi racconteremo meglio...

Site Map